Anna MARTINETTI

Mi chiamo Anna MARTINETTI sono stata insegnante e Preside nelle scuole di Monza lavorando sempre con passione per l'educazione e l'istruzione dei ragazzi in collaborazione con le loro famiglie. Ora sono Consigliere Comunale di #Unamonzapertutti a Monza e sono fiera di servire la mia città con impegno e soprattutto onestà.

Oltre al mio impegno sulle problematiche della scuola in questi ultimi anni mi sono occupata di prevenzione del Gioco d'Azzardo Patologico. Credo infatti che questa, che è diventata un'emergenza sociale, possa compromettere il futuro della nostra società con l'illusione di facili guadagni ottenuti senza fatica ne competenze.

Per questo faccio conferenze per gli adulti ma in modo particolare per i ragazzi e gli insegnanti raggiungendoli nelle scuole nell'ambito di progetti sulla legalità! Un'altra tema di cui mi occupo insieme agli amici della lista diventata poi un'associazione, è lo Spreco Alimentare. In un momento di grave crisi economica veder sprecare il cibo soprattutto nelle mense scolastiche mi ha convinto dell'importanza di sensibilizzare le persone a questa tematica. Insieme al Banco Alimentare ho portato progetti nelle scuole ma anche nelle sedi delle associazioni dei club di servizio e dei commercianti monzesi.

Da molti anni lavoro nel carcere di Monza di cui sono stata preside della scuola al suo interno. Credendo nel valore delle attività trattamentali, sto portando avanti in collaborazione con la direzione ed il personale del carcere un progetto che prevede l'impegno dei detenuti nella coltivazione di un orto biologico i cui prodotti per volontà stessa dei detenuti saranno distribuiti alle famiglie in difficoltà del nostro territorio. Più di 1000 metri quadrati di terreno una gran parte sotto tre serre recuperate dal degrado dopo anni di non uso.

Faccio poi parte di Andiamo ai Boschetti un'associazione che si occupa del recupero di questa area così importante della città ma così trascurata dalle amministrazioni che si sono susseguite a #Monza e più in generale di tutte le aree verdi della città con le stesse necessità ! Tutte tematiche che ho portato in Consiglio Comunale che vorrei fosse il luogo nel quale attraverso i consiglieri arrivasse la voce di tutti i cittadini voce che poi censisse però ascoltata!! Di questa città amo le persone che si dedicano volontariamente al servizio degli altri nel sociale nella cultura nell'ambiente e nell'educazione dei ragazzi coltivando in loro il senso dell'accoglienza dell'altro senza preclusione di razza e di religione!

Ho deciso di candidarmi con #Maffe' perché riconosco in lui l'onesta e le competenze che vorrei fossero del mio prossimo sindaco!

Con una politica non urlata , vicina ai cittadini senza promesse che non si possano mantenere nel tentativo di far tornare la fiducia in quelle persone che l'hanno persa ed hanno deciso di non parteciparvi astenendosi dal voto!

Marco MONGUZZI

Mi chiamo Marco MONGUZZI Sono Consigliere Comunale di Monza e ho sempre portato la voce dei cittadini all'attenzione dell'amministrazione, le loro idee e le loro proposte. Sono nato e da sempre vivo nella nostra bellissima Monza. Vivo la mia Città dedicando il mio tempo al sociale, allo sport e alla politica, perché credo fermamente che ognuno di noi debba spendere un po' di se stesso per servire la collettività e migliorare insieme la qualità della vita propria e dei propri concittadini.

Da più di 30 anni sono imprenditore, dirigo una società operante nel settore edile e delle manutenzioni. La mia professione unita all'impegno e la passione civica, mi hanno portato a studiare a fondo uno degli strumenti più complessi ma con maggior impatto sulla vita dei cittadini: il Piano di governo del territorio (PGT). Una gestione di questo efficace strumento di sviluppo, ammodernamento e innovazione urbana può portare grandissimi benefici a tutta la Città.

Siamo stati abituati ad amministrazioni che fingono di dare ascolto ai propri cittadini e gestiscono questo piano con le proprie idee senza ascoltare chi sara' coinvolto dalle loro decisioni. Voglio cambiare questa modalità di lavoro, voglio gestire il territorio con un piano che presti attenzione ai cittadini, che punti a #riqualificare piuttosto che #cementificare.

Sono molto attento anche alla tematica della #Sicurezza, totalmente assente per quella che è la percezione dei nostri cittadini.

Potenziamento del controllo sul territorio, impiego delle più moderne tecnologie per video sorvegliare le zone più a rischio e un piano che punti alla prevenzione, perché i crimini bisogna prima prevenirli. Ho scelto Maffè #Perchè Monza ha un potenziale enorme e ho deciso di mettere ancora in gioco le mie competenze e la mia professionalità per ascoltare la voce dei miei concittadini e sviluppare insieme la Monza dei nostri figli. #MonzaconMaffe è un progetto che può migliorare la qualità della vita di tutti noi, dacci fiducia!

Mirko GRIGNOLA

Mi chiamo Mirko GRIGNOLA sono Perito e Programmatore Informatico. Nella vita mi occupo di gestire la progettazione di soluzioni digitali per le grandi aziende e la Pubblica Amministrazione. Faccio parte dell'area di Digital Trasformation di una grande azienda italiana e questo mi ha dato la possibilità di comprendere a fondo i meccanismi e le difficoltà da superare in ambito digitalizzazione. Ho sempre seguito i temi sociali e la politica, ma non mi sono mai avventurato in questo mondo. Credo fermamente che l'innovazione e le nuove tecnologie possano portare un grande miglioramento ai servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione. Con la più chiara trasparenza, le istituzioni possono tornare ad avere la fiducia dei propri cittadini.

Con la semplificazione della macchina burocratica, tutti possiamo averne dei benefici in termini di tempo e qualità dei servizi che vengono erogati. Inoltre la tecnologia è la materia principale dei più giovani, che crescono con la mente proiettata all'innovazione e possono pensare soluzioni e servizi a cui gli adulti non possono arrivare.

Per questo nel mio programma porto avanti il progetto #StartPA: un sostegno reale a tutti i giovani del territorio che vogliono lanciarsi in avventure imprenditoriali aprendo #Startup #Digitali con le quali offrire servizi di utilità pubblica o direttamente legati alla Pubblica Amministrazione. Un progetto che rilancia l'economia, innova la nostra Città e offre una concreta possibilità di sviluppo ai giovani, che più di tutti soffrono la mancanza di una politica che ascolti i cittadini, che capisca quanto è cambiato il mondo intorno a sé e che impari ad adeguarsi ad una nuova ma inarrestabile realtà tecnologica.

Mi candido perché ho deciso di mettere al servizio della mia Città tutte le conoscenze tecniche e professionali acquisite in 11 anni di lavoro nel mondo digitale. #MaffèPerchè credo nell'ideale liberale e credo in una politica inclusiva, partecipata, che consenta ad ogni cittadino di esprimere la propria opinione ma non solo, che la tenga anche in grande considerazione.

Andrea VALORA

Mi chiamo Andrea Valora, laureato in Economia e da 7 anni lavoro in una delle principali banche italiane. Ho deciso di intraprendere questa avventura politica, candidandomi per la prima volta al consiglio comunale della città in cui vivo con la mia famiglia e i miei, tra poco, tre figli. Ho molto a cuore il tema della famiglia e dell’educazione. La nostra città è sicuramente a dimensione di famiglia, ma sono convinto che si possano scegliere delle politiche a sostegno di queste, che permettano di poter aiutare e sostenere il nucleo più importante su cui si basa tutta la nostra società. Sono convinto che un aiuto importante possa essere quello di sostenere le famiglie nello scegliere liberamente l’educazione per i propri figli, senza dover rinunciare ad una scuola a causa del proprio reddito. Inoltre avere degli spazi pubblici di verde, sicuri e ben curati, permettono l’incontro con gli altri per una crescita sana dei propri figli.

Sono anche molto interessato al tema del turismo. Ho vissuto per tanti anni a Milano, città in cui ancora lavoro, ed assistito allo straordinario sviluppo turistico che ha avuto negli ultimi anni, grazie alla visibilità portata dall’EXPO. Monza non è da meno. Non siamo solo la città del Gran Premio d’Italia, l’evento in città più conosciuto al mondo. Monza si trova a stretto contatto con la città metropolitana di Milano, ma, in attesa della metro, abbiamo problemi di connessione con essa. Abbiamo una bellissima Villa Reale, ristrutturata da poco, che può ospitare mostre, anche in collaborazione con la città di Milano. Ma per fare ciò, abbiamo bisogno che sia facilmente raggiungibile con navette dalla stazione e dalle metropolitane vicine. Abbiamo il parco recintato più grande d’Europa, che ha mostrato la possibilità di ospitare eventi con migliaia di persone, come la Messa con il Papa o alcuni concerti. Abbiamo un’identità da mostrare, da rivalutare e far conoscere.

Mi sono sempre più allontanato da una politica che ci vedeva spettatori critici, ma non partecipi. #Maffè Perché mi dà la possibilità di vivere una politica partecipata, che parta dai bisogni dei cittadini che vivono la città giornalmente, con i suoi problemi, ma anche con la voglia di vivere meglio e costruire.

Marco SIBONI

Sono Marco Siboni e mi sono candidato perché intendo dare concretezza ai sogni, bisogni e diritti delle famiglie, per farlo sostengo Pierfranco Maffè a Sindaco per Monza. "Se la famiglia non si occupa della politica ne sarà inerme vittima". Così di fatto è stato.

Occorre dare dignità alla Famiglia riconoscendola proteggendola sul piano economico: - Sono favore dell'introduzione del Fattore Famiglia per un fisco che rappresenti davvero le esigenze delle famiglie. - Sono a favore di una politica di co-progettazione fatta con il coinvolgimento delle famiglie e delle associazioni famigliari. Monza, comune tra i più ricchi in Italia, sia in prima fila tra i comuni della provincia ed insieme a quelli della regione Lombardia ad influenzare anche la politica nazionale.

Il Sindaco Maffè s’impegna affinché, anche, il Comune di Monza aderisca alla Rete dei Comuni amici della Famiglia. Vogliamo portare in politica i sogni, i bisogni e i diritti delle famiglie!

Luca ARONICA

sono Luca Aronica, ho 34 anni e sono un monzese affezionato alla mia città, con i suoi luoghi caratteristici, le sue tradizioni più vere e la sua gente accogliente.

Affezionato a una Monza che mi ha visto crescere, raggiungere tanti traguardi, e cambiare. E con me è cambiata anche lei, mostrando i suoi punti di forza, ma purtroppo e in molti casi mettendo in evidenza anche i suoi punti critici, le sue fragilità. Nel corso della mia vita ho sperimentato in prima persona cosa vuol dire passare da una condizione ottimale, di benessere e serenità a una condizione di disagio e smarrimento. Ma è stato proprio grazie alla sofferenza, alle riflessioni più personali, al confronto con gli altri e al prezioso supporto della mia famiglia, che ho scoperto come rialzarmi e trasformare la mia mancanza in una risorsa speciale.

Ebbene, ho perso la vista a 13 anni a causa di una malattia degenerativa della retina, e dopo aver passato momenti duri e situazioni difficili ho capito che avrei dovuto fare qualcosa per me e per tutti quelli che come me, non sapevano più che fare delle loro vite. Nel 2015 sono stato eletto Presidente dell’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti di Monza e Brianza e da allora ho incrementato il mio lavoro di sensibilizzazione sul territorio, facendomi portavoce di una disabilità troppo spesso ignorata e mal giudicata. Ho scoperto che parlare onestamente e senza peli sulla lingua è l’arma più potente ed efficace che un uomo possa sfoggiare a favore dei propri ideali, e così ho fatto con professori, datori di lavoro e famiglie bloccate dal pregiudizio. In ambito professionale ho accettato la sfida dell’imprenditoria cimentandomi nel campo dei servizi alla persona, quali trattamenti shiatsu e sedute di counselling, con l’obiettivo di aiutare il prossimo a raggiungere una condizione ottimale, di benessere psico-fisico.

Oggi, mi piacerebbe mettermi a disposizione di una città che sta vivendo trasformazioni e cambiamenti difficili da arginare e da affrontare con il giusto spirito e i giusti strumenti. Credo però, che prima di proporre soluzioni, bisognerebbe analizzare i problemi e stabilire quali valori porre alla base di un’impalcatura importante come può essere la nostra società odierna, fatta di giovani in difficoltà, lavoro precario, pericoli diffusi, luoghi pubblici trascurati…

Non abbiamo bisogno di tanti astratti valori, ma di pochi e robusti principi in grado di sostenere il peso di una responsabilità crescente: una Monza sicura e ben curata, dei monzesi sereni, soddisfatti e appagati. La mia candidatura alle amministrative di Monza, si è diretta dunque verso la lista civica Monza con Maffè, dove ho trovato persone sincere e calorose, persone che la pensano come noi del partito Società e Famiglia: la famiglia e i suoi valori più sani sono le radici profonde di una società. La famiglia, come modello di un gruppo di persone che riescono a restare unite grazie al rispetto reciproco, alle regole di convivenza e all’amore.E se ci pensiamo bene rispetto, regole e amore, è tutto ciò che serve ad ognuno di noi per vivere in mezzo alle persone, a scuola, al lavoro, per strada…

La #famiglia che trasmette di generazione in generazione le tradizioni culinarie, culturali, che formano il senso di appartenenza. La #famiglia che ti fa sentire sempre a casa, che ti fa stare bene e tende sempre una mano nel momento del bisogno. La #famiglia che educa ed insegna, che responsabilizza e stimola a rimboccarsi le maniche per farcela sempre. Insomma, il punto è che dovremmo riuscire a portare fuori di casa tutti i valori imparati in famiglia e applicarli spontaneamente con chiunque, a prescindere dal legame di sangue.

Il mio sogno e quello del partito a cui appartengo, è dunque quello di creare una Monza che, grazie a rapporti interpersonali costruttivi e onesti, possa costituire un terreno fertile per lo sviluppo di una comunità di persone integrate, stimolate, solidali tra di loro, sensibili nei confronti dei più fragili e svantaggiati.

E così, credendo nell’apporto che i giovani , gli adulti,, i disabili e gli anziani possono dare, potremmo sperare nel miglior funzionamento del sistema scolastico, nel lavoro per tutti e in una società inclusiva e non esclusiva, in una città accessibile e attenta. Se anche voi credete in una #Monza che possa crescere insieme a noi, votateci l’11 giugno!

Giancarlo PORTA

Sono Giancarlo Porta e nella vita sono un piccolo imprenditore nell’ambito della climatizzazione,termoidraulica ed energie alternative.

Nel 2001 ho aperto una galleria d'arte che propone opere d'arte moderna e contemporanea, sia di giovani artisti che di artisti gia' affermati. Questa seconda attivita' nasce da una passione, che ho da sempre, per l'arte pittorica, ma soprattutto per il mio desiderio di ampliare ed alimentare nuovi ambiti dove si possa arricchire la mente e lo spirito.

La passione e l'interesse per il mio territorio mi ha portato nel giugno 2009 ad essere eletto Sindaco di Macherio con la Lega Nord. Esperienza purtroppo turbolenta che nel settembre 2011 mi ha portato ad esprimere il più totale dissenso alle linee politiche della Lega Nord e dopo alcune apparizioni sulle televisioni Nazionali, si è conclusa con la mia espulsione dalla Lega nel febbraio 2012. Nel Novembre 2015 sono stato nominato coordinatore provinciale Monza e Brianza del movimento Fare con Tosi, movimento che esprime appieno l'ideale di vicinanza con il territorio per una politica che ricominci dal basso.

Nelle mie esperienze ho incontrato molte personalità, ma in quella di Pierfranco Maffè ho riconosciuto le abilità, la professionalità e l'esperienza di chi può davvero migliorare le condizioni di Monza e di consueguenza della brianza che circonda questo splendido gioiello. Per questo ho deciso di unirmi a lui, sostenendo la sua candidatura a Sindaco, nel progetto Monza con Maffè che è stato in grado di unire mondi diversi sotto l'unico grande scopo di rimettere in moto e governare bene la Città.

Daniela GRECO

Sono Daniela Greco, nata a Siracusa il 25/07/1966, ho due figlie Margherita e Benedetta di 17 e 10 anni. Ho vissuto a Monza dal 1998, appena arrivata grazie a mio marito che è monzese, nel 1997, per poi trasferirmi a Villasanta nel 2002. Sono ritornata a Monza dal mese di novembre 2016, abito nel quartiere Libertà Sono Avvocato iscritto all’Albo presso l’Ordine degli Avvocati di Monza dal 1997 e iscritta All’albo Speciale degli Avvocati Cassazionisti e Giurisdizioni Speciali dal 2009.

Da Luglio 1999 sono titolare del mio studio legale specializzato in diritto civile. Negli ultimi 8 anni, unitamente al mio impegno nel sociale, ho maturato una significativa esperienza nel campo del diritto di famiglia e minorile, e della di violenza di genere, delle associazioni no profit. In particolare mi sono contraddistinta per un impegno costante nella politica ed anche nel volontariato in favore delle persone più bisognose.

Nel Marzo 2009 sono stata insignita del Premio dalla rivista Monza Club “La primavera delle Donne” per il mio impegno nel volontariato sociale. Attualmente sono socio fondatore e tesoriere della associazione CAMEFAM- Camera di mediazione familiare di Monza e Brianza

Dopo 15 anni ritorno a fare un’altra esperienza nella politica monzese piena ancora di entusiasmo e di voglia di fare concretamente, ma con molta consapevolezza in pù, non solo come avvocato, ma anche come madre, certa di mettere , come ho sempre fatto, le mie competenze ed il mio impegno al servizio dei cittadini monzesi, soprattutto i più bisognosi, Monza è una città piena di risorse e di brava gente, impegnata e seria, che merita di più.

Una di queste è senz’altro Pierfranco Maffè, l’unico candidato che nel proprio programma ha dedicato ampio spazio ai problemi della famiglia e dei figli minori e a soluzioni che possono concretamente aiutare questa città a risollevarsi. Per questo ho scelto di candidarmi nella lista Monza con Maffè e di sostenerlo.

Matteo BUZZI

Buongiorno a tutti. Sono Matteo Buzzi, sposato, classe ’69 e nella vita mi occupo dell’attività commerciale sui clienti nazionali e internazionali per una multinazionale con sede in provincia.

Lo studio (sono laureato in Economia) e il lavoro mi hanno portato a viaggiare parecchio e questo mi ha dato la possibilità di conoscere differenti città in Italia e in Europa imparando a conoscerne i pro e i contro. Forse per questo e per la mia passione per il verde, penso e propongo interventi o soluzioni per migliorare la vivibilità e la bellezza di Monza cercando di conciliarli con le poche finanze disponibili.

Esperienza per me importante nella vita sono stati 15 anni di volontariato intenso nel pubblico soccorso. Politicamente dopo le prime esperienze a supporto di liste civiche in Brianza, anche senza essere candidato, sono entrato in contatto con Flavio Tosi e da due anni faccio parte del direttivo di Monza e Brianza di FARE!.

Le esperienze positive si moltiplicano e così ho conosciuto Anna, Pierfranco e tutti gli altri componenti della Lista e quando li conosci non puoi non unirti a Loro.

Luigia AROSIO

Buongiorno a tutti, sono Luigia Arosio ho 51 anni, sposata e sono impiegata come quadro direttivo presso un istituto di credito italiano. Con mio marito condivido la passione per la 'bella politicà; dove ancora è possibile relazionarsi e confrontarsi con tutti.

Ho accolto con grande favore di poter lavorare al fianco di Maffé a cui mi uniscono tanti valori comuni quali la famiglia, la comunità, il vivere bene, la buona sanità, il lavoro come priorità nella vita di ciascuno alla quale conferisce dignità e prospettiva.

Tutto ciò va costantemente monitorato, gestito, ricostruito per distinguerci nella nostra città. Nel tempo libero coltivo la mia passione per il canto (corale), mi dedico al mio orto e una parte la dedico alle attività di volontariato.

Mariachiara NARDELLI

Sono Mariachiara Nardelli e ho sempre avuto, fin da giovanissima, una particolare attenzione alla vita politica e sociale della mia città e del mio paese. Ma un senso di sfiducia mi faceva guardare al mondo politico con un' amarezza nel cuore che non si addice a un giovane.

Ho conosciuto poi Società e Famiglia una nuova formazione politica che promuove un radicale rinnovamento della società italiana partendo da un modello semplice e intuibile : la famiglia. Così come una famiglia quotidianamente affronta tutti i problemi, allo stesso modo un politico dovrebbe svolgere il suo lavoro, con la concretezza, il buon senso e la progettualità del buon " padre di famiglia".

Da quel giorno non ho più lavorato solo per la mia splendida e giovane famiglia ma per tutta la famiglia italiana.

Ho frequentato la scuola politica SeF e sono stata eletta consigliere nazionale. Adesso è giunto il momento per me di entrare in azione con coraggio, pazienza e perseveranza, partendo da Monza, la città dove sono nati i miei figli. Un piccolo passo pieno di speranza per contribuire alla diffusione di una cultura positiva incentrata sulla persona e quindi sulla famiglia senza la quale siamo solo più fragili.

Claudio CONSONNI

Claudio Consonni, insegnante e marito di Paola Meregalli dal 1982, padre di quattro figli. Impegnato sin da studente “zucchino” negli organi collegiali della scuola e dell’Università sono stato, sia da docente che da genitore in “Comunità educante e partecipazione democratica” fino allo shock di tangentopoli quando, assieme a molti giovani dell’epoca tra cui Pierfranco Maffè, ci siamo buttati nella Democrazia cristiana. Mentre Pierfranco, divenuto assessore, ha fatto il percorso “popolare” verso Forza Italia, io ho fatto quello “democratico” fino ad arrivare al Pd ma sono rimasto profondamente deluso sia da Scanagatti che dai suoi numerosi assessori che hanno proseguito la tanto deprecata cementificazione e non hanno usato un briciolo di fantasia amministrativa in temi delicatissimi come il recupero dell’Ospedale vecchio, dove è ancora possibile impegnare Fondazioni (Bellani, Tavecchio etc), o in quello dell’edilizia scolastica. Ricordando molto bene le lezioni di Scienza della politica del professor Miglio su Machiavelli, purtroppo ho constatato più “fortuna” che“virtù”. Per questo ho apprezzato il coraggio di Maffè e accolto il suo invito a impegnarmi in prima persona per affrontare e risolvere alcuni problemi di Monza:

  • - Equilibrio tra l’edilizia ABITATA e quella dedicata al LAVORO: nel trilatero, dove ad esempio studiano migliaia di studenti e lavorano quasi 500 persone (tra l’altro proprio lì serve una palestra e il recupero di un piccolo edificio di aule nell’attuale via Pellettier), vi sono tre aree dismesse: Colmar, Pagnoni e Buon Pastore.
  • - Patrimonio pubblico PROTETTO anche dagli abusi (es.la via Valcava e finale di Monte Cervino destinabile ad “area cani”) e VALORIZZATO in tutta la Città, e non solo di là dal Lambro (zona Cederna).
  • - Realizzazione di un nuovo ingresso al Parco– di massima accessibilità e protezione - all’incrocio pericoloso tra Via Monsignor Angelo Ramazzotti e Viale Brianza per consentire ai numerosissimi pazienti e accompagnatori all’Ospedale di godere del vicino Imperial Regio Parco.
  • - Integrazione del PIANO dei SERVIZI con la parte riguardante gli SPAZI di TUTTE le RELIGIONI, dando in concessione le numerose CHIESE di proprietà pubblica (Comune e Regione) ai Cristiani che ne hanno bisogno.
  • - Aggiornamento del Piano comunale di Protezione civile ai rischi della “TAV ferroviaria”.
  • - Rivalutazione del Consiglio Comunale, delle Commissioni – aperte alle Associazioni - e ripristino delle elezioni dirette nei dieci Quartieri sul modello della democratica Brescia.

Tutti i CANDIDATI

  • Giovanni Aliprandi
  • Paola Antonelli
  • Franco Boscarino
  • Eliana Caglioti
  • Daniela Carafa
  • Adriano Corioni
  • Tommaso Dapri
  • Caterina De Luca
  • Alfonso Di Lio
  • Idilio Loriano Galligani
  • Daniela Immovilli
  • Antonino Natale
  • Veronica Luisa Osnaghi
  • Barbara Palma
  • Stefano Antonio Palumbo
  • Carlo Pinto
  • Claudia Teresa Radice
  • Mario Romeo
  • Erik Pietro Sganzerla